Turchia, annullato il reato di pedofilia

violenza-bambini.jpg

I maggiori siti d’informazione non ne hanno parlato. Sono troppo impegnati nei retroscena politici, negli sconvolgimenti istituzionali degli ultimi giorni. E questa notizia rischia di passare sotto silenzio.
La Corte Costituzionale turca, con una maggioranza di 7 giudici contro 6, si è pronunciata su richiesta di un tribunale locale  “secondo cui la legislazione vigente non permette di distinguere nei casi di abusi su minori tra quelli compiuti nei confronti di bambini piccoli e quelli che riguardano adolescenti dai 12 anni in su, che potrebbero avere consapevolezza della natura di un atto sessuale” (Agenpress).

Il reato di pedofilia così è scomparso. Da gennaio sarà attiva la nuova normativa che non distinguerà più tra abuso sessuale contro un adulto e abuso contro un minore. La decisione della Corte può essere considerata un’amnistia nei confronti di tutti gli uomini che ancora, nel 2016, organizzano matrimoni con chi ha meno di 15 anni. Si stima che le cosiddette spose bambine siano 3 milioni e mezzo, solo in Turchia. Una pratica vergognosa, che costringe le piccole ad abbandonare la propria famiglia e i giochi d’infanzia per consegnarsi a dei veri e propri abusi perpetrati più volte, per anni. Una gabbia, quella delle spose bambine, una vita traumatica contro cui bisogna battersi per far sì che si vada avanti, e non indietro, come invece questa pronuncia della Corte ci ha portati.

Le associazioni per i diritti dei minori hanno annunciato di volersi appellare alla corte europea per i diritti dell’uomo. Per appellarvisi, devono essere esauriti tutti i mezzi di ricorso interni. Ma affidarsi agli organi di giustizia europea può risultare più difficile, infatti la Turchia ha sospeso proprio oggi l’applicazione della convenzione europea dei diritti dell’uomo (per ragioni di uno stato di emergenza interno), una sospensione temporanea che potrebbe prolungarsi anche per diverso tempo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...